Brianza Plastica Brianza plastica
 

azienda

referenze / dettaglio

Palazzo Reale - Milano

Il Palazzo Reale di Milano, la cui facciata fronteggia l’ala meridionale del Duomo, era in origine il “Broletto”. Funse da abitazione ed uffici dei Podestà e da sede dei notai fino al periodo comunale quando, dal 1287, subendo numerosi restauri e ricostruzioni attraverso i secoli, divenne residenza prima dei Visconti e, quindi, degli Sforza.
Successivamente passò alla corona spagnola e conobbe un periodo di grandi sfarzi diventando sede di feste e ricevimenti e alla fine del 1500 iniziò l’epoca del teatro che, inizialmente era all’aperto in un cortile interno, quindi venne creata la “Sala Margherita” un teatro di pianta irregolare progettato dall’architetto Tolomeo Rinaldi con statue e giochi d’acqua.
Nel 1695 e nel 1708 il Teatro bruciò e, ogni volta, fu interamente ricostruito. Nel 1771 divenne residenza dell’arciduca Ferdinando, terzogenito di Maria Teresa, il quale decise di affidare a Giuseppe Piermarini l’incarico di progettare l’intera ristrutturazione del Palazzo.
Tale ristrutturazione comportò anche un diverso assetto dell’area circostante e la realizzazione della nuova facciata, che è quella attuale, e la demolizione di quella antica che si trovava a ridosso del Duomo, trasformando il cortile maggiore in piazza. Sotto Napoleone furono eseguite modifiche strutturali con ampliamenti ad opera di Luigi Canonica e, da allora, si chiamò Palazzo Reale.
Dopo la prima guerra mondiale, il palazzo passò al Comune che, nel 1933 decise di avviare opere di restauro. Purtroppo, durante i bombardamenti del 1943, venne devastato e, da allora, non sono più stati fatti restauri consentendo, quindi, l’uso solamente di alcune sale non pericolanti per mostre d’arte e, dal 1978, divenne sede del CIMAC, Museo d’Arte Contemporanea.
Ad oggi, quindi, l’edificio conserva solo all’esterno l’aspetto neoclassico del Piermarini.
Dopo 20 anni, finalmente, sono iniziati i lavori per la ristrutturazione di Palazzo Reale, e, in quest’ottica, è stato necessario recuperare anche la copertura dell’antico palazzo.
Il controllo del comportamento termoigronometrico delle falde è stato realizzato adottando il sistema ISOTEC direttamente applicato sull’impalcato della copertura, che ha permesso di ottenere un notevole isolamento termico e controllo dell’umidità all’interno della copertura, a garanzia di una lunga durata nel tempo.

PROGETTO DI RESTAURO E RICOSTRUZIONE
Impresa appaltatrice: C.C.C. Bologna
Progettista opere strutturali: Dott. Ing. G. Salvatoni
Direzione lavori opere strutturali: Dott. Ing. G. Salvatoni
Progetto opere edili: Studio Architetti B.B.P.R. Alberico Barbiano di Belgioioso e Ludovico Barbiano di Belgioioso
Direzione lavori edili: Arch. Simone di Trapani
Assistenza D.L. Lavori Edili: Arch. Pasquale F. - Arch. Mariani Orlandi
Prog. opere impiantistiche: Studio Associato Ingg. F. Marelli & A. Zambelli
Direzione Artistica: Arch. Alberico Barbiano di Belgioioso
Impresa esecutrice: Cooperativa di Costruzioni Lavoranti Muratori - Via Salaino, 7 - Milano
Responsabile Cantiere: Geom. Maurizio Venturini
Assistente di Cantiere: Sig. Antonio Milone

 
Brianza Plastica
 
 
  • Brianza Plastica SpA
    Via Rivera, 50
    20841 Carate Brianza
    Italy
    T. (+39) 0362.9160.1
    F. (+39) 0362.990457

  • privacy policy

Eurobusiness


P.iva IT00698250966
C.F. 00865040158
Reg. Imp. 00865040158
Isc. R.E.A. MB/602163
Cap. Soc. € 3.000.000 i.v.
ANPE
Linkedin Brianza Plastica Twitter Brianza Plastica Facebook Brianza Plastica Youtube Brianza Plastica Instagram